quiSpot:
rassegna stampa calabrese
Fonte: Il Nuovo
Data: 03/01/2007
Autore: Redazione
Il Nuovo
Catanzaro, Crisi regionale: i Dl di Catanzaro sono scontenti
Provincia: Catanzaro
Comune: Catanzaro
Argomento: Politica
Catanzaro, Crisi regionale: i Dl di Catanzaro sono scontenti

I circoli “Rutelliani” della Margherita di Catanzaro e provincia, per voce del coordinatore Pietro Romeo, esprimono “tutto il loro disappunto per come si è risolta la crisi regionale con l’esclusione dalla giunta di Demetrio Naccari Carlizzi, anche se sostituito con un altro esponente Dl Maiolo al quale vanno gli auguri di buon lavoro. Detta crisi - si legge in una nota stampa - non è stata certamente voluta né da Carlizzi e tanto meno dalla Margherita, ma da altri partiti della coalizione: partiti che hanno trascinato la Calabria per mesi e mesi in inutili discussioni ed incontri per poi concludersi con la riconferma di 11/dodicesimi della vecchia giunta. Per quel che ci concerne e a nostro parere i rapporti con l’intera coalizione vanno rivisti, specie con i Ds, con i quali da mesi si discute per la formazione del partito unico e la creazione del Partito Democratico; partito che va suggellato da un referendum tra tutti gli iscritti della Margherita. Non è possibile che a Roma si discuta in un modo ed in Calabria si fa tutto all’inverso. Il presidente Loiero, al quale va tutta la nostra solidarietà per le ultime vicende che lo hanno visto coinvolto - sottolinea il coordinatore Romeo - è inutile che se la prende con i media nazionale; la verità è che la Calabria, ultimamente, è stata cacciata in uno stato “comatoso irreversibile”. La Calabria non ha bisogno di “beghe” tra i partiti; ma di un governo forte e duraturo che sappia aggredire con forza e decisione il problema dei giovani, dei disoccupati che hanno raggiunto oltre il 12%, dell’ordine pubblico sotto il profilo della legalità, specie dopo l’attentato a Demetrio Costantino presidente del Cids e degli ultimi fatti delittuosi di San Luca. Tutto questo si può combattere con il coinvolgimento di tutti i partiti, anche quelli minori, nonché dalle forze sane dell’intera Calabria”.